Produzione barbatelle innestate e piante da frutto

Sangiovese

Vitigno estremamente diffuso nelle colline romagnole ed un po’ in tutta l’Italia centrale, è la base di famosi vini DOC e DOCG della Toscana che hanno fatto la storia dell’enologia italiana (Chianti, Vino Nobile di Montepulciano, Brunello di Montalcino). Sangiovese è un vitigno dotato di vigoria media, germogliamento medio e maturazione medio tardiva (fine settembre –...
Leggi Tutto

Terrano (Cagnina)

Terrano è un vitigno vigoroso dalla produzione buona e costante, dà il meglio di sè nei terreni poco fertili (es. il Carso e l’Istria), tollera bene le gelate tardive. In Friuli produce un vino interessante che, vinificato in purezza, possiede un’acidità notevole che ne favorisce l’invecchiamento. In Romagna il vitigno è noto con il nome di Cagnina ed entra nella DOC...
Leggi Tutto

Ancellotta

Ancellotta è un vitigno originario dell’Emilia (zona Massenzatico) che ora per le sue caratteristiche agronomiche ed enologiche si è diffuso anche in Veneto e Trentino. Ancellotta è un vitigno vigoroso, dotato di buona produzione che preferisce terreni di medio impasto tendenti all’argilloso ma ben si adatta anche ai terreni alluvionali leggeri. Ancellotta  è dotata di un alto...
Leggi Tutto

Lambrusco Maestri

Lambrusco Maestri è un vitigno rustico ed altamente vigoroso che ben si adatta a diversi ambienti, infatti è coltivato con successo in diverse zone d’Italia, fra cui anche la Puglia (IGT Lambrusco Daunia, Salento, Tarantino). Principali cloni disponibili: CAB 6: clone rinvenuto a Soliera (MO), dal punto di vista agronomico è poco suscettibile a peronospora ed oidio, presenta vigoria...
Leggi Tutto

Lambrusco salamino

Lambrusco Salamino è un vitigno che prende il nome dalla orma cilindrica serrata che ricorda, appunto, un piccolo salame, dotato di produzione abbondante e costante. Principali cloni disponibili: CAB 1: clone rinvenuto a Carpi (MO), dal punto di vista agronomico è dotato di produzioni medio alte, è rustico quindi poco suscettibile a peronospora ed oidio, resiste abbastanza anche alla...
Leggi Tutto

Lambrusco grasparossa

Lambrusco Grasparossa è un vitigno che ben si adatta ai terreni poveri di collina, preferisce la potatura corta. Caratteristico della varità è il colore rosso vinoso vivo del raspo. Principali cloni disponibili: CAB 7: clone rinvenuto a Castelnuovo Rangone (MO), dal punto di vista agronomico presenta vigoria media con una produttività medio elevata. I grappoli sono medi, abbastanza spargoli....
Leggi Tutto

Uva Longanesi (Burson)

  Uva Longanesi, in dialetto chiamata con il nome di “Bursona“, è un vitigno scoperto negli anni ’20 del secolo scorso a Boncellino (RA), località nota per aver dato i natali al Passatore, che attualmente è coltivato in provincia di Ravenna. Vitigno rustico e molto produttivo, Uva Longanesi è un rosso di pianura che fornisce vini di grande consistenza, corpo e...
Leggi Tutto

Ciliegiolo

Ciliegiolo è un vitigno generoso dotato di produzione abbondante e costante, si adatta a diversi ambienti e dalla Toscana, zona in cui si hanno le prime citazioni della presenza del vitigno, si è espanso in diverse altre aree italiane. Ciliegiolo è un vitigno dalla maturazione precoce (per essere un rosso), utilizzato in uvaggio per aggiungere profumi ed alcolicità oppure per la produzione...
Leggi Tutto

Fortana

Fortana è un vitigno che si ritiene sia originario della zona di Bordeaux (Francia) e sia giunto in Romagna prima del 1500. Il nome si ipotizza derivi da “fruttana”, evidente riferimento alla prosperità del vitigno ed alla quantità della sua produzione. Il vitigno è conosciuto anche con il nome “Uva d’oro“. Principali cloni disponibili: CAB 1: clone individuato a Bosco...
Leggi Tutto

Merlot

Merlot è, sicuramente, il vitigno più noto nel mondo. Originario della Francia, dalla zona di Bordeaux si è poi diffuso in tutto il mondo. Merlot è arrivato in Italia nel 1880 quando, per la prima volta, il vitigno è stato piantato in Friuli adattandosi egregiamente all’ambiente collinare. Principali cloni disponibili: Ampelos TEA 12: clone individuato a Venegazzù (TV), presenta...
Leggi Tutto

Uva del Tundè

L’Uva del Tundè è un vitigno autoctono del ravennate riscoperto agli inizi degli anni 2000 interessante sia dal punto di vista agronomico sia da quello enologico, attualmente ammesso in quattro IGT. Vitigno rustico, predilige forme di allevamento quali capovolto, doppio capovolto, pergoletta, guyot e, in genere, tutti quei sistemi di potatura (anche meccanizzati) che prevedono il rinnovo...
Leggi Tutto